ripreso dal sito http://kelebeklerblog.com…

La sterilizzazione dell’umanità

In traduzione DeepL, un articolo che ci racconta di come le sostanze chimiche nella plastica stanno avendo un impatto enorme sulla fertilità umana.

E’ un tema interessante per molti versi.

Uno, io che da dilettante comunque mi appassiono di queste cose, l’ho scoperto solo recentemente. Quindi presumo che non siano in tanti a saperlo.

E soprattutto, nessuno lo pensava all’epoca in cui venivano lanciate le plastiche.

Due, chi sa quanti altri effetti inaspettati stanno in agguato.

Tre, qui torniamo alla cruciale differenza tra prezzi e costi.

La bustina di plastica ha il prezzo degli stipendi pagati ai produttori, dei macchinari, dei trasporti e delle tasse.

Il prezzo non include, ad esempio, il costo del ricorso alla riproduzione assistita per qualche miliardo di persone (ammesso e non concesso che sarebbe una buona cosa, stiamo solo parlando in termini economici): è quello che si chiama una esternalità.

Quattro, la questione ambientale viene spesso intrecciata con quella dell‘aumento della popolazione.

E quindi al problema ambientale, alcuni decisionisti trovano la soluzione, che consiste nel cercare di limitare le nascite.

Invece, qui abbiamo un processo che va in senso inverso.

Infatti – siccome gli effetti della devastazione ambientale sono imprevedibili, non serve molto lavorare su questo o quel sintomo, che magari si trasforma nel proprio contrario.

Cinque, gli ftalati, presenti nelle plastiche, sembrano essere la causa principale della sterilizzazione della specie umana.

Quindi la soluzione oggi praticata, in questo caso particolare, consiste in quello che l’autrice chiama “regrettable replacement“,

“dove una sostanza chimica dannosa è sostituita da un’altra non testata, che poi si scopre avere gli stessi rischi.”

Il tecnofix, detto anche la Cingolanata.

Cinque punti che ci ricordano l’essenza della questione ambientale.

Infine la sterilizzazione riguarda solo la fertilità riproduttiva, o potrebbe avere effetti anche sulla sessualità in senso più ampio, e sugli stessi comportamenti umani?

Qui stiamo parlando dell’effetto sugli ormoni, che a loro volta fanno parte del complesso di tutto ciò che siamo. M qui sono solo mie speculazioni da incompetente.

Shanna Swan: “La maggior parte delle coppie potrebbe dover ricorrere alla riproduzione assistita entro il 2045

Dom 28 Mar 2021

Shanna Swan è una professoressa di medicina ambientale e salute pubblica alla Mount Sinai school of medicine di New York, che studia le tendenze della fertilità. Nel 2017 ha documentato come il numero medio di spermatozoi tra gli uomini occidentali si sia più che dimezzato negli ultimi 40 anni. Count Down è il suo nuovo libro.

Lei ha passato più di 20 anni ad esaminare gli effetti delle sostanze chimiche che alterano gli ormoni sulla salute riproduttiva. Ora sta lanciando l’allarme?
Sto parlando direttamente di questo problema nascosto di cui le persone non amano parlare, che è la loro sub-fertilità o problemi riproduttivi, e come questo è legato all’ambiente. Le persone riconoscono che abbiamo una crisi della salute riproduttiva, ma dicono che è a causa del ritardo nella nascita dei figli, della scelta o dello stile di vita – non può essere chimico. Voglio che la gente riconosca che può esserlo. Non sto dicendo che altri fattori non sono coinvolti. Ma sto dicendo che le sostanze chimiche giocano un ruolo causale importante. È difficile usare quella parola, “causa”, ma è un corpo di prove. Abbiamo meccanismi, studi sugli animali e molteplici studi sull’uomo.

La fertilità femminile diminuisce rapidamente dopo i 35 anni circa. Non è per questo che così tante persone si rivolgono alla FIVET?
Non è così semplice. Quando io e un collega abbiamo esaminato il cambiamento della fecondità compromessa [la capacità di avere figli], siamo rimasti sorpresi nel vedere che le donne più giovani avevano sperimentato un aumento maggiore rispetto ai gruppi di età più avanzata. Questo suggerisce che qualcosa oltre all’invecchiamento e al ritardo nell’avere figli sta influenzando la fertilità.

Inoltre, ci sono prove convincenti che il rischio di aborto spontaneo è aumentato tra le donne di tutte le età.

Quali sono le sostanze chimiche più preoccupanti per la salute riproduttiva e come funzionano?
Quelli che possono interferire con o imitare gli ormoni sessuali del corpo – come il testosterone e gli estrogeni – perché questi rendono possibile la riproduzione. Possono far credere al corpo di avere abbastanza di un particolare ormone e di non aver bisogno di produrne altri, quindi la produzione diminuisce.

Gli ftalati, usati per rendere la plastica morbida e flessibile, sono di estrema preoccupazione. Sono in tutti e probabilmente siamo esposti principalmente attraverso il cibo, dato che usiamo la plastica morbida nella produzione, lavorazione e imballaggio degli alimenti. Abbassano il testosterone e quindi hanno le influenze più forti sul lato maschile, per esempio diminuendo il numero di spermatozoi, anche se sono cattivi anche per le donne, dimostrando di diminuire la libido e aumentare il rischio di pubertà precoce, fallimento ovarico prematuro, aborto spontaneo e nascita prematura.

Il bisfenolo A (BPA), usato per indurire la plastica e presente nelle ricevute dei registratori di cassa e nel rivestimento di alcuni contenitori di cibo in scatola, è un altro. Imita gli estrogeni e quindi è un attore particolarmente cattivo sul lato femminile, aumentando i rischi di problemi di fertilità, ma allo stesso modo può influenzare gli uomini. Gli uomini esposti professionalmente al BPA hanno mostrato una diminuzione della qualità dello sperma, una riduzione della libido e tassi più elevati di disfunzione erettile. Altre sostanze chimiche di preoccupazione includono ritardanti di fiamma e alcuni pesticidi come l’atrazina.

Quando viene fatto il maggior danno?
Gran parte dell’esposizione che causa questi cambiamenti avviene nell’utero, quando il feto si sta formando. Queste cellule in rapida divisione sono le più sensibili. I colpi poi continuano durante l’infanzia, l’adolescenza e l’età adulta. C’è una natura cumulativa in questo. E possiamo trasmettere questi effetti. Il modo più semplice è l’esposizione diretta. Un feto femminile, nell’utero, sta crescendo le uova che userà per avere i propri figli. Queste sostanze chimiche possono farsi strada anche in quelle cellule germinali.

Cos’è la distanza anogenitale (AGD) e perché è importante?
È la distanza dall’ano ai genitali e di solito è molto più lunga nei maschi che nelle femmine. È un indicatore della quantità di androgeni [ormoni sessuali maschili tra cui il testosterone] a cui un bambino è stato esposto durante la prima gravidanza. L’AGD è un marcatore così importante della salute riproduttiva e dell’alterazione endocrina – se lo misurassimo per ogni neonato, sapremmo qualcosa sulla loro futura fertilità. Una AGD più corta nei maschi e più lunga nelle femmine indica un minore successo riproduttivo.

Per quanto possibile, mangiare cibi non trasformati, in quanto questo dovrebbe ridurre l'esposizione attraverso la plastica

Hai usato l’AGD per dimostrare che gli ftalati causano un basso numero di spermatozoi negli uomini. Come?
Quando ho iniziato a studiare gli ftalati, intorno al 2000, la sindrome da ftalati era stata dimostrata sperimentalmente nei roditori ma non negli uomini. Le madri ratte a cui erano stati somministrati gli ftalati avevano bambini maschi con un pene e uno scroto più piccoli, il loro numero di spermatozoi era più basso e la loro AGD era più corta. Ho condotto uno studio in cui abbiamo misurato l’urina conservata delle donne incinte per gli ftalati e abbiamo misurato l’AGD dei loro figli maschi e dei bambini piccoli – una prima volta – insieme ad alcune altre misure genitali. Abbiamo trovato esattamente quello che era stato trovato nei roditori: la sindrome da ftalati. Poi ho fatto uno studio su uomini in età da college, dove abbiamo fatto loro dare un campione di sperma e misurato la loro AGD, e abbiamo dimostrato che più corta è la AGD, più basso è il numero di spermatozoi. Questo è il motivo per cui sono fiducioso: abbiamo un collegamento diretto dagli ftalati all’AGD breve e poi dall’AGD breve al basso numero di spermatozoi, e questi risultati sono stati confermati da studi successivi.

Quanto è grave la crisi riproduttiva? Lei ha detto che siamo sulla buona strada per un mondo sterile entro il 2045…
È una cosa seria. Se si segue la curva della meta-analisi sul declino dello sperma del 2017, si prevede che entro il 2045 avremo una conta spermatica mediana pari a zero. È speculativo estrapolare, ma non c’è nemmeno alcuna prova che stia diminuendo. Questo significa che la maggior parte delle coppie potrebbe dover ricorrere alla riproduzione assistita.

I farmaci sono monitorati per la sicurezza. Qual è la situazione normativa per queste sostanze chimiche?
Negli Stati Uniti, la maggior parte delle sostanze chimiche non sono state testate e si presume che siano sicure. In Europa ci sono stati progressi migliori. Anche se imperfetto, il regolamento Reach (Registration, Evaluation, Authorisation and Restriction of Chemicals) dell’UE è stato un grande passo avanti. Ci sono enormi interessi economici che impediscono una regolamentazione più severa.

Cosa deve succedere?
L’industria chimica deve iniziare a produrre sostanze chimiche che possano essere usate nei prodotti di tutti i giorni che non siano ormonalmente attive. La sostituzione inaccettabile – dove una sostanza chimica dannosa è sostituita da un’altra non testata, che poi si scopre avere gli stessi rischi – deve anche finire. È successo con diversi ftalati, BPA e ritardanti di fiamma ed è inaccettabile. E dobbiamo testare le sostanze chimiche che usiamo attualmente – e non solo ad alte dosi e non solo una alla volta, perché siamo esposti a un gran numero.

Dovremmo credere alle confezioni che dicono senza BPA o senza ftalati?
Se dice “BPA free” probabilmente non ha BPA. Ma notate che non dice “senza bisfenolo”, quindi potreste ancora avere bisfenolo S o F, che sono deplorevoli sostituti. “Senza ftalati” sarei anche sospettoso. Mentre potrebbe essere privo dei vecchi e noti attori, potrebbe non esserlo di quelli più recenti. La gente dovrebbe sentirsi arrabbiata per essere potenzialmente ingannata in questo modo e premere per un cambiamento.

Cosa dovremmo fare per ridurre la nostra esposizione?
Le persone in età riproduttiva, in particolare quelle che pianificano una gravidanza o che sono incinte, dovrebbero essere consapevoli che tutto ciò che portano in casa ha il potenziale di contenere queste sostanze chimiche. Per quanto possibile, mangiate cibi non lavorati – un mazzo di carote, patate che cucinate voi stessi – poiché questo dovrebbe ridurre l’esposizione attraverso la plastica. Inoltre, quando cucinate, non usate Teflon o qualsiasi cosa rivestita e non usate il microonde nella plastica. Per la cura personale e i prodotti per la casa usa un minimo di prodotti semplici e cerca di evitare quelli profumati; gli ftalati vengono aggiunti per trattenere il profumo. L’associazione no-profit Environmental Working Group ha guide gratuite per i consumatori che danno informazioni su prodotti specifici.

Possiamo cambiare le cose?
Penso di sì. Abbiamo l’ingegno e le risorse per farlo. Ma abbiamo bisogno di un riconoscimento del problema e della volontà di cambiare.

Count Down: How Our Modern World Is Threatening Sperm Counts, Altering Male and Female Reproductive Development, and Imperiling the Future of the Human Race di Shanna H Swan con Stacey Colino è pubblicato da Simon & Schuster (£20).

Share This