Allora, vediamo cosa stanno facendo in questi giorni per l’ambiente.

Le linee aeree statunitensi hanno chiesto al governo 50 miliardi di dollari, divisi equamente tra prestiti a basso tasso d’interesse e un semplice regalo.

Le stesse linee aeree, tra il 2010 e oggi, hanno avuto a disposizione, grazie ai loro guadagni, diversi miliardi di dollari.

Hanno deciso di darne il 96% ai propri azionisti.

Siccome proprio oggi i ministri del trasporto europei si riuniscono per ascoltare gli aereomendicanti nostrani, ricordiamo che alle linee aeree, noi contribuenti abbiamo già dato:

“L’esenzione dalle tasse sul carburante significa un sussidio di €60 miliardi di euro ogni anno. Per ogni passeggero che vola in economy tra l’Europa e gli Stati Uniti, questo vale un generoso sussidio di quasi €95.”

Nelle versioni della Cicala e la formica che si trovano sui siti per studenti copioni, la frase finale che compare è questa:

Ma la formica disprezza la pigrizia della cicala e non si cura dell’offesa, ma persevera nel lavoro. Ma poi giunse l’inverno e grazie alla laboriosità la formica aveva abbondanza di briciole e viveva con gioia; la cicala, al contrario, a causa della sua negligenza non aveva cibi e si trovava nella miseria.

Allora implora la formica: “Dammi, per favore le briciole poiché sono affamata”. Ma alla cicala la formica risponde: “Prima cantavi ora balla!”.

A cui aggiungiamo queste righe:

La cicala allora guardò superba la formica, e disse, “Ho parlato con il nostro Presidente, e mi ha detto che ciò che è tuo, è mio!”

A Peretola, Firenze, esattamente nel punto in cui vorrebbero far finire la nuova pista dell’aeroporto in espansione, ecco i fenicotteri rosa:

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Buffer
  • Evernote
  • Gmail
  • Delicious
  • LinkedIn
  • Blogger
  • Tumblr

Share This